Campus economico-giuridico

Contributi d'autore Italia ed Europa: destino comune?

13 Aprile 2017

Italia ed Europa: destino comune?

di Michele Bagella

Lo scontro politico tra euro-favorevoli ed euro-scettici si fonda su “slogan” che hanno la sola funzione di attrarre elettorato, ma sono incapaci di restituire il senso pieno della questione. Quel che è certo è che un’eventuale uscita dall’Euro avrebbe pesanti conseguenze sia sul piano economico che su quello degli equilibri sociali.

La soluzione alla crisi andrebbe piuttosto cercata in un cambiamento del modello di sviluppo, ad esempio riducendo il carico fiscale in parallelo alla riduzione della spesa pubblica.

“L’Europa ci ha dato tanto, e gli italiani sono sempre stati considerati i più europeisti tra i cittadini europei. Perché oggi questa eredità viene minimizzata, se non del tutto trascurata, a vantaggio di posizioni insostenibili, come quella di uscire unilateralmente dall’Unione monetaria europea, cambiare «casacca», per indossarne una più autarchica o peggio isolazionista, lasciando ai partiti di governo di certificare la fine della integrazione europea, e insieme a essa la fine di un grande sogno e di una grande speranza di vedere il futuro del paese al di là delle Alpi, smentendo chi sostiene che non è più vero che Italia ed Europa hanno un destino comune?”

Tratto da Euro: dalla crisi alla ripresa. La vita contrastata della moneta europea nei primi decenni del nuovo millennio

Clicca QUI per maggiori informazioni sull’opera.

Documenti allegati

Per condividere