Campus economico-giuridico

Letture per approfondire L’esclusività della norma non è di nessuno; la diversità siamo tutti noi

18 Aprile 2017

L’esclusività della norma non è di nessuno; la diversità siamo tutti noi

di Charles Gardou

Nella nostra società è molto forte il dovere di conformità, in base al quale l’identità della persona si definisce – con il ricorso al concetto di “norma” – secondo una sorta di controllo qualitativo paragonabile a quello praticato nel campo della produzione.

Una società inclusiva offre invece pieno diritto di cittadinanza alla diversità e dà a ciascuno la possibilità di arricchire il corpo sociale con la propria biografia originale. È una società nella quale, partendo dal presupposto che tutti siamo “singolari plurali”, la categorizzazione – che divide per mettere ordine e provoca rapporti di dominio e violenza – lascia il posto a un insieme di individui singolari e interdipendenti, unici e uniti.

“Nessuno è immune dal rischio di diventare estraneo alla norma collettiva. Estraneo al corso abituale della vita. Estraneo all’universo degli altri, attraverso uno sguardo collettivo. Vittima di una esclusione che rende la vita disumana poiché non viene più vissuta in mezzo agli altri. Apparentemente indenni o duramente colpiti dal destino, siamo comunque coinvolti nella stessa odissea di una specie dai volti molteplici.”

Tratto da Nessuna vita è minuscola. Per una società inclusiva

Clicca QUI per maggiori informazioni sull’opera.

 

Documenti allegati

Per condividere