Campus Storia e Geografia

Guerre, dittature e totalitarismi del Novecento Tra due mondi. Una linea innaturale

25 Gennaio 2016

Tra due mondi. Una linea innaturale

di Alessandro Cattunar

Nella prima metà del Novecento il confine nordorientale del nostro Paese è stato teatro di aspri scontri e di terribili sciagure, che hanno snaturato i territori e hanno inciso profondamente nelle vicende personali degli abitanti di quelle aree.

In queste pagine l’autore riporta le testimonianze dirette dei goriziani che, tra incredulità, rabbia e rassegnazione, assistettero alla spartizione dei loro territori, decisa “a tavolino” dalle potenze alleate dopo la fine della seconda guerra mondiale.

«Alcuni testimoni ricordano la nascita del confine come un vero e proprio lutto, la fine di quella società multietnica che ricopriva un ruolo ancora molto rilevante nell’immaginario della popolazione. In questo senso, le implicazioni identitarie legate allo smembramento del territorio tra due entità statuali, appaiono evidenti.»

Tratto da Il confine della memoria. Storie di vita e narrazioni pubbliche tra Italia e Jugoslavia (1922-1955)

Clicca QUI per maggiori informazioni sull'opera

Documenti allegati

Per condividere