Campus Matematica e Scienze

Laboratorio di cinema Microcosmos - Il popolo dell’erba

30 Maggio 2017

Microcosmos - Il popolo dell’erba

Regia: Claude Nuridsany, Marie Pérennou

Genere: Documentario

Produzione: Galatte Films-France 2

Anno: 1996

 

Sinossi

 

Il film, che dura poco più di un’ora, racconta la storia da un nuovo punto di vista: quello degli insetti. La campagna diventa una foresta impenetrabile, insetti e altri esseri viventi diventano creature fantastiche. Vengono raccontati un giorno, una notte e l’alba del giorno successivo e i protagonisti sono formiche, lumache, coccinelle, api, bruchi, ragni, scarabei, cavallette, farfalle. Gli insetti non sono filmati soltanto nei momenti dei conflitti e degli accoppiamenti, come si vede spesso nei documentari, ma anche nei comportamenti e spostamenti più normali.

Scopo Didattico

 

 

Sotto l’apparente armonia c'è un mondo in lotta, che può essere minuscolo e furibondo. Le riprese sull'infinitamente piccolo ci fanno cambiare il punto di vista con il quale conosciamo la realtà e ci aprono le porte su un mondo surreale e fantastico.

Approfondimenti  

 

 

  • Il  film è stato girato in tre belle stagioni nella zona dell’Aveyron,  in Francia, da due registi entomologhi di formazione. Qual è il  lavoro dell’entomologo?

 

 

  • I  registi, prima del film, hanno studiato a lungo la microfotografia,  di cosa si tratta?

 

 

  • Scegliere  uno specifico insetto o animale presentato nel documentario e  approfondire i suoi comportamenti e abitudini.

Discussione in classe

 

 

Durante il film ci troviamo a immedesimarci negli animali: fatichiamo con lo scarabeo stercorario mentre spinge la sua palla gigante, proviamo tenerezza di fronte allo scambio di effusioni di due lumache oppure ancora ritroviamo paralleli con le nostre società, per esempio con i bruchi in fila indiana come intrappolati nel traffico di automobili. Si tratta di antropomorfismo. Cos’è? In quali altri film e documentari si può ritrovare?

 

 

Clicca qui per vedere la scena in cui lo scarabeo stercorario trascina con se la sua palla.

Per condividere