Campus Matematica e Fisica

Laboratorio di cinema La teoria del tutto

15 Maggio 2017

La teoria del tutto

Regia: James Marsh

Genere: Biografico, Drammatico

Produzione: Working Title Films

Anno: 2014

 

Sinossi

   

 

Il film è una biografia di Stephen Hawking ma la sua vita viene proposta da un’angolazione alternativa, spostando il baricentro della narrazione dalle scoperte che lo hanno reso famoso alla quotidianità della vita. Siamo a Cambridge, nel 1963. Hawking è un ragazzo brillante che deve solo scegliere l'argomento della sua tesi finale. Ma nel pieno della giovinezza, e dopo aver conosciuto Jane, sua futura moglie, la sua vita viene travolta dalla diagnosi di una malattia dei motoneuroni che gli compromette movimento e linguaggio, lasciandogli, secondo i medici, solo due anni di vita.

Scopo Didattico

   

 

Da parte del regista, James Marsh, è evidente la volontà di sottolineare un contrasto: lo stridere che si produce dallo scontro tra il nichilismo indotto da un destino crudele come una malattia neurodegenerativa e la ferrea volontà di vivere, di studiare, di fare ricerca. La frase di Stephen rivolta al medico risulta quindi emblematica: “Anche il cervello ne è colpito?”. A indicare la sua volontà, nonostante le difficoltà che gli si prospettano, di continuare le sue ricerche.

Approfondimenti

 

 

  • Nel  maggio del 2016, basandosi sui dati raccolti e sulla teoria di  Hawking, Jeff Steinhauer, dell’Istituto israeliano Technion di  Haifa, ha dichiarato di aver simulato un buco nero in laboratorio,  verificando la teoria dell’evaporazione degli oggetti come  descritta dal fisico britannico 42 anni prima. Uno  dei risultati maggiori di Hawking è, infatti, la sua teoria dei  buchi neri. Di cosa si tratta? Che cos’è la cosiddetta radiazione  di Hawking?

       

 

  • I contributi di Hawking furono molto importanti per lo sviluppo del modello standard della cosmologia, cosa afferma questo modello?

       

 

  • Che  cos’è la malattia del motoneurone?

Discussione in classe

 

 

Come Albert Einstein viene associato alla relatività, Stephen Hawking viene associato immediatamente ai buchi neri e, come lo Einstein, anche Hawking ha dimostrato di essere per il pubblico una vera icona. Ma perché è così famoso? È sufficiente definirlo fisico, matematico, cosmologo, astrofisico? Cosa rende una mente brillante un’icona? La sua malattia può aver contribuito a renderlo popolare e conosciuto?

   

 

Clicca qui per vedere il trailer del film.

Per condividere