Campus Italiano

Consigli di lettura Stelle di panno

17 Febbraio 2017

Stelle di panno

a cura di Michele Chighizola

Autrice: Ilaria Mattioni

Genere: storico, drammatico

Pagine: 169

Editore: Lapis editore

   

Trama

Milano, 1938. Carla e Liliana sono due bambine che abitano nello stesso palazzo in Corso di Porta Romana. Sono due ragazzine benestanti e, dopo la scuola, passano la giornata a giocare insieme. Carla è figlia di un commerciante di stoffe con un negozio in centro; Liliana, invece, fa Treves di cognome, ha una madre che suona il pianoforte, un padre che fa il giornalista ed è ebrea. A casa di Liliana è da poco tornata la nonna Esther, fuggita da Berlino dopo l’avvento di Hitler. Un giorno la nonna mostra alla famiglia i vestiti con la stella gialla cucita che era costretta ad indossare in Germania. Carla e Liliana, non conoscendone il terribile significato, decidono ingenuamente di cucirsi due stelle gialle sui loro maglioncini. La nonna rimane quasi scioccata dal gesto e fa capire loro che non si tratta di un gioco ma di una tragedia. Presto, infatti, le leggi razziali arriveranno anche in Italia, insieme alla Seconda guerra mondiale. Il romanzo segue la storia delle due bambine e delle loro famiglie dal 1938 alla fine del conflitto.

   

Scopo didattico

Stelle di panno è un romanzo per ragazzi ambientato in Italia durante la Seconda guerra mondiale. Realistico, autentico, coinvolgente e plausibile, il libro è uscito nel gennaio 2017 in occasione della Giornata della memoria. Esordio nella narrativa per Ilaria Mattioni, storica di professione, è un’opera perfetta da leggere nelle scuole. Stelle di panno è innanzitutto una fotografia storicamente accurata di ciò che accadde a Milano e ai milanesi in quegli anni: la promulgazione delle leggi razziali (1938), i bombardamenti e le persecuzioni degli ebrei, i fatti di Piazzale Loreto (1945).  Il romanzo di Ilaria Mattioni, inoltre, mostra con straordinaria efficacia la forza della propaganda di regime e del pensiero unico sulle menti indifese delle bambine e delle giovani ragazze. Liliana e Carla ritengono Mussolini l’uomo più forte del mondo e sognano di camminare sulle stesse mattonelle stradali toccate dal Duce. Il libro, infine, senza soffermarsi troppo sulle atrocità della guerra e della Shoah, coinvolge i ragazzi perché racconta una realtà molto simile alla loro (scuola, amici, giochi pomeridiani) che viene stravolta da un evento tragico esterno.

   

Approfondimenti

  • Le leggi razziali in Italia: cosa imposero di fatto agli ebrei? Cosa succede alla famiglia di Liliana dopo la promulgazione delle leggi?
  • Liliana appartiene alla famiglia Treves, un nome molto noto nell’editoria milanese e italiana. Fai una piccola ricerca sui fratelli Treves.
  • L’Italia e la Seconda guerra mondiale: fai un ripasso dei motivi che spinsero Mussolini ad entrare nel conflitto.
  • Il romanzo di Ilaria Mattioni ha molti lati in comune con l’Amico ritrovato di Fred Uhlman: si consiglia la lettura parallela dei due testi.
  • Quanti ebrei italiani morirono nel complesso durante la Shoah? Fai una breve ricerca.
  • Quanto è grande la comunità ebraica italiana di oggi? Quali sono i centri più famosi? Fai un’indagine.

             

Discussione in classe

Quanto la propaganda può influire su quello che pensiamo? Secondo voi i ragazzi di oggi e di domani sono ormai immuni dall’indottrinamento da pensiero unico?

Per condividere