Campus Biologia, Chimica e Scienze della Terra

Consigli di lettura Sei una bestia Viskowitz

15 Maggio 2017

Sei una bestia Viskowitz

di Alessandro Boffa

Autrice: Alessandro Boffa

Genere: Narrativa

Casa editrice: Garzanti Libri

Collana: Gli eleganti

Anno: 2000

 

Sinossi

 

Il libro è formato da una serie di 20 storie che raccontano le vicende di diversi animali, con alcuni punti fermi: il protagonista si chiama sempre Viskovitz, ha degli amici (o antagonisti, o fratelli) di nome Zucotic, Petrovic e Lopez e ha delle compagne ma un unico grande amore: Ljuba. I vari racconti si susseguono in un ordine non filogenetico: si spazia dal ghiro alla spugna, dal cane alla tenia, allo scarafaggio, allo scorpione e si chiude con un Viskovitz-microbo (anche se propriamente animale non è).

Scopo didattico

 

La precisione delle descrizioni delle varie metamorfosi di Visko è garantita dall’autore, biologo di formazione: l’anatomia e le funzioni sono assolutamente precise e si prestano a slittamenti di senso e giochi di parole molto divertenti. È un modo diverso di fare comunicazione della scienza in cui il gergo scientifico diventa quasi invenzione linguistica.

Approfondimenti

   

 

  • La  Viskowitz-lumaca scopre di avere due sessi. Come funziona la  riproduzione delle lumache?  

 

 

  • Il Viskowitz-fuco partecipa al cosiddetto “volo nuziale”, di cosa si tratta?

   

 

  • Il  Viskovitz-fringuello si trova ad affrontare il parassitismo  riproduttivo del cuculo. Che cos’è?

Discussione in classe

 

 

Viskovitz, in quanto essere vivente nasce, cresce, vive (o sopravvive), si riproduce, cerca di non morire ma la descrizione di queste 20 diverse specie ci fa pensare alla condizione umana. Qual è il rapporto dell’uomo con gli animali? Perché l’uomo ha la tendenza ad antropomorfizzare gli animali, specialmente quelli domestici? L’umanizzazione degli animali può essere considerata una forma di maltrattamento etologico?

   

 

Dal libro è stata tratta un’opera teatrale da Daniela Di Giusto. Clicca qui per vedere qualche scena dello spettacolo.

Per condividere